Il mio blog principale: http://mikelogulhi.blogspot.com
Il blog centrale in italiano (dove puoi vedere, a destra, quali sono gli ultimi blog in italiano aggiornati): http://ilmondofuturo.blogspot.com

domenica 25 agosto 2013

Colombia, uccisi 13 soldati dalle Farc

da www.corriere.it

Un'imboscata

L'attacco è avvenuto nella città di Tame poche ore prima dei colloqui di pace tra governo e Forze armate rivoluzionarie

Tredici soldati colombiani sono stati uccisi ieri in un attacco delle Forze armate rivoluzionarie della Colombia (Farc) contro una pattuglia militare alla frontiera col Venezuela. «Abbiamo il dolore di annunciare che a seguito di un'azione terroristica da parte delle Farc due sottoufficiali ed 11 soldati sono stati assassinati», afferma in un comunicato l'esercito colombiano. L'attacco è avvenuto in una zona rurale della città di confine Tame, nel dipartimento di Arauca. Il comunicato non specifica le circostanze dell'accaduto, ma i media colombiani citando i militari parlano di una imboscata. La notizia dell'attacco è stata data a poche ore dalla ripresa, domani a Cuba, dei colloqui di pace tra il governo colombiano e le Farc, che avevano deciso venerdì una «pausa» nei negoziati. I guerriglieri delle Farc, che conterebbero circa 8 mila combattenti, negoziano da novembre all'Avana un accordo di pace col governo colombiano per mettere fine ad un conflitto che va avanti da quasi mezzo secolo, il più lungo dell'America latina. (Ansa)

lunedì 12 agosto 2013

Argentina, alle primarie peroniste vince Sergio Massa, l'anti-Cristina

da www.ilsole24ore.com

Sergio Massa (Epa)
Sergio Massa (Epa)
La netta vittoria del peronista dissidente Sergio Massa nella provincia di Buenos Aires, dove risiede quasi il 40% dell'elettorato, si è imposta oggi come il principale risultato delle elezioni primarie celebrate domenica in Argentina, in vista delle politiche del prossimo ottobre.
Anche se tecnicamente dovrebbero servire a definire le liste di candidati per le legislative, queste primarie costituiscono di fatto un termometro della temperatura politica a livello nazionale. I risultati parziali (ma con oltre il 70% dei voti scrutinati) costituiscono un chiaro segnale di allarme per il governo di Cristina Fernandez de Kirchner, che vede i suoi candidati sconfitti in distretti cruciali, malgrado possano contare su un alto grado di frammentazione dell'opposizione.
Ma la vittoria di Massa rappresenta la minaccia più immediata per il kirchnerismo: il grande vincitore delle primarie - un ex direttore del gabinetto presidenziale, passato all'opposizione - ha fustigato il governo su sicurezza, inflazione, corruzione e indipendenza della magistratura, non senza menzionare ripetutamente l'insegnamento di Papa Francesco.